menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Raccolta dei rifiuti ingombranti, Procura apre un'inchiesta

I carabinieri si sono già recati in Comune e hanno acquisito la documentazione che riguarda l'appalto

I carabinieri si sono recati in Comune e hanno acquisito la documentazione che riguarda l'appalto che la società Omnia srl aveva con il Municipio di Canicattì. C'è - secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Sicilia - un'inchiesta della Procura aperta che riguarderebbe, secondo indiscrezioni che non vengono confermate ma nemmeno smentite, la raccolta dei rifiuti ingombranti. La stessa azienda aveva anche fatto un decreto ingiuntivo al palazzo di città per un saldo di circa 900 mila euro per i servizi resi fra il 2017 e il 2018. In questo periodo risultano essere state raccolte 7 tonnellate di rifiuti ingombranti al giorno rispetto ad una tonnellata dei periodi precedenti. Inoltre il Comune aveva anche autorizzato l'aumento da 230 a 270 euro a tonnellata per il prelievo dei rifiuti ingombranti. Elementi - scrive il quotidiano La Sicilia - che hanno portato la Procura ad avviare un'indagine che starebbe camminando di pari passo con l'altra che riguarderebbe il centro di raccolta di contrada Calandra che è sotto sequestro.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento