menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
FOTO ARCHIVIO

FOTO ARCHIVIO

L'inchiesta per l'incidente mortale di sabato, la Procura dispone una consulenza

L'automobilista 76enne è stato prima arrestato con l'accusa di omicidio stradale e poi liberato: incarico a un ingegnere per ricostruire la dinamica

Sarà l'ingegnere Luigi Longo a ricostruire la dinamica dell'incidente che, sabato mattina, è costato la vita all'ottantacinquenne Gaetano Inguanta, travolto e ucciso da un'auto mentre attraversava la strada statale 410 Naro-Canicattì nel tentativo di raggiungere il proprio veicolo posteggiato nella corsia opposta.

Il pubblico ministero Emiliana Busto, che lunedì ha deciso la liberazione dell'indagato, il 76enne Biagio Magrì, di Camastra, ha disposto una consulenza tecnica incaricando il professionista di "accertare cause e modalità del sinistro ed eventuali violazioni del codice della strada e relative responsabilità".

Il difensore dell'indagato, l'avvocato Antonio Bordonaro, ha nominato quale proprio consulente di parte l'ingegnere Francesco La Novara mentre i familiari della vittima, assistiti dall'avvocato Santo Lucia, parteciperanno agli accertamenti tecnici con il proprio consulente, l'ingegnere Nicolò Vassallo.

Al conducente della Seat Ibiza, inizialmente posto ai domiciliari per l'ipotesi di reato di omicidio stradale, si contesta di non avere frenato in tempo utile provocando l'impatto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento