rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Canicattì

"Ti do fuoco": minacce di morte e maltrattamenti alla moglie: arrestato 38enne

Tutto sarebbe avvenuto anche davanti al figlio, un minorenne, della coppia ormai in crisi e in fase di separazione. L'uomo è stato portato in carcere

"Ti do fuoco! Prima o poi ti darò fuoco”. E’ con queste parole che, grosso modo, avrebbe minacciato la moglie, con la quale aveva in corso una causa di separazione. E’ per le ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia e minacce di morte che i carabinieri di Canicattì hanno arrestato, e trasferito alla casa circondariale “Pasquale Di Lorenzo” di Agrigento, un trentottenne. Minacce e maltrattamenti che si sarebbero consumati anche alla presenza del figlio della coppia, un minorenne.

Pare che la relazione sentimentale fosse andata in frantumi e che i due erano ormai, di fatto, separati. Ogni occasione sarebbe stata però buona – stando all’accusa – per inveire, attaccare e maltrattare, minacciandola anche di morte, contro l’ormai ex. Una situazione divenuta insostenibile tant’è che, ad un certo punto, la donna non ce l’ha fatta più a tenere nascosta questa dolorosa verità. I carabinieri di Canicattì hanno dunque fatto scattare l’arresto. L’inchiesta è coperta dal più fitto riserbo investigativo.

A Canicattì, così come nel resto dell’Agrigentino e non soltanto, c’è un “sommerso” che, troppo spesso, non si traduce in denuncia. Qualcuno vive un quotidiano fatto di attenzioni morbose, di comportamenti aggressivi e intimidatori che vengono letti come espressione di un amore appassionato e di una gelosia innocua, ma che è spesso il triste copione di un crescendo di violenza che si traduce in sistematici maltrattamenti in famiglia e minacce, anche di morte.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ti do fuoco": minacce di morte e maltrattamenti alla moglie: arrestato 38enne

AgrigentoNotizie è in caricamento