menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Avvelenati dalla mandragora: 4 persone in ospedale, una donna trasferita in Rianimazione

La famiglia, in stato di allucinazione, è arrivata al pronto soccorso. Tutti sono stati sottoposti a lavanda gastrica e sono in stato di osservazione cardiaca e respiratoria 

Quattro persone, tutte appartenenti allo stesso nucleo familiare: due ultra settantenni e due quarantenni, sono finite al pronto soccorso dell'ospedale "Barone Lombardo" di Canicattì. Una di esse, una donna, è stata subito trasferita - con elisoccorso - all'ospedale di Sciacca dove è stata ricoverata in Rianimazione. I quattro sono stati avvelenati dalla Mandragora, una pianta che somiglia molto alla borragine. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. I quattro erano andati in campagna per raccogliere della verdura e durante la raccolta hanno raccolto prima e cucinato dopo la Mandragora. Si sono sentiti male e, in stato di allucinazione, sono arrivati al pronto soccorso dell'ospedale di Canicattì dove sono stati sottoposti a lavanda gastrica. Tutti sono stati posti, per 36 ore, in stato di osservazione cardiaca e respiratoria. 

Per una donna è stato invece necessario il trasferimento alla Rianimazione dell'ospedale di Sciacca. La Mandragora è un'erba tossica, capace di indurre la morte. I sintomi dell'intossicazione sono molteplici: si va dalla nausea, al vomito, a problemi intestinali, fino alle allucinazioni, al delirio e alla tachicardia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento