rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Cronaca Canicattì

"Contrasse infezione al pronto soccorso", chiesto più di un milione di risarcimento

Durante il giudizio di primo grado, al tribunale di Agrigento, non sono emerse responsabilità a carico dei medici e pertanto è stata rigettata la richiesta

Durante il giudizio di primo grado, al tribunale di Agrigento, non sono emerse responsabilità a carico dei medici e pertanto è stata rigettata la richiesta di risarcimento danni. L'agrigentina ha però presentato ricorso alla Corte d'Appello per ottenere la riforma della sentenza di primo grado e per ottenere un risarcimento di 1.119.303 euro. La donna ritiene, infatti, di aver contratto una infezione al pronto soccorso dell'ospedale "Barone Lombardo" di Canicattì e dunque complicazioni e patologie che avrebbero determinato la perdita della sua capacità lavorativa. A dire della donna tutto sarebbe imputabile proprio ai medici della struttura ospedaliera canicattinese. 

L'azienda sanitaria provinciale di Agrigento ha deciso di costituirsi in giudizio e resistere, anche davanti la Corte d'Appello, a questa richiesta risarcitoria. L'udienza è stata fissata per il 12 novembre.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Contrasse infezione al pronto soccorso", chiesto più di un milione di risarcimento

AgrigentoNotizie è in caricamento