rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Cronaca Canicattì

La maxi inchiesta "Strike" su rapine e spaccio: ultimo atto in Cassazione

L'indagine ha disarticolato una rete di pusher e fatto luce su alcuni episodi di criminalità spicciola

Il 23 aprile davanti alla Corte di Cassazione: ultimo atto del processo scaturito dall’inchiesta - sviluppata dai poliziotti del commissariato di Canicattì - denominata “Strike”, che ha disarticolato una rete di spacciatori e fatto luce su una serie di episodi di criminalità spicciola legati a furti, rapine e danneggiamenti a Canicattì. 

Solo due gli imputati, dopo quattordici assoluzioni diventate definitive e un paio di tronconi processuali ancora in corso. La pena più alta – 5 anni e 2 mesi di reclusione – è stata inflitta a Giovanni Magro, 42 anni. Tre anni e 9 mesi al trentasettenne Diego Paci. I difensori, gli avvocati Calogero Meli e Angela Porcello, hanno impugnato il verdetto, emesso il 6 dicembre del 2018 dalla Corte di appello di Palermo, che adesso sarà sottoposto al vaglio della Suprema Corte.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maxi inchiesta "Strike" su rapine e spaccio: ultimo atto in Cassazione

AgrigentoNotizie è in caricamento