rotate-mobile
Cronaca Canicattì

Rubò in una casa e si ferì, "incastrato" dalle tracce di sangue e dal Dna: denunciato 20enne

Il giovane, una vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, è stato identificato dalla polizia dopo gli esami di laboratorio

I poliziotti del commissariato sono riusciti a risalire all’identità del “topo d’appartamento” grazie a delle tracce di sangue che hanno evidenziato, attraverso appositi esami, il Dna del ventenne. Un giovane che, nelle ultime ore, è stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento per furto.

In un’abitazione del centro urbano di Canicattì, qualche tempo addietro, si è registrato un furto. Qualcuno era riuscito ad intrufolarsi e a portare via quanto di valore – preziosi e denaro – vi era custodito. Il ladro, nel razziare la residenza, restò però ferito e perse del sangue. I poliziotti della Scientifica hanno repertato quelle tracce di sangue che sono state sottoposte ad esami specifici. Esami che hanno, appunto, permesso di risalire al Dna di un giovane – il ventenne romeno – già noto alle forze dell’ordine. Riusciti ad arrivare all’identità del presunto ladro, - il che, molto spesso, non è affatto cosa semplice - i poliziotti del commissariato di Canicattì hanno formalizzato, a carico del ventenne, la denuncia alla Procura. Il romeno è stato così iscritto nel registro degli indagati proprio per quel furto in abitazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubò in una casa e si ferì, "incastrato" dalle tracce di sangue e dal Dna: denunciato 20enne

AgrigentoNotizie è in caricamento