Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Duplice tentato omicidio per bloccare matrimonio del figlio, tabaccaio resta in carcere

I giudici del tribunale del riesame confermano l'arresto del 75enne Luigi Lalomia, accusato di avere cercato di uccidere - investendoli con l'auto - il futuro consuocero e la nuora

Ordinanza cautelare in carcere confermata: i giudici del tribunale del riesame di Palermo non modificano il provvedimento restrittivo emesso nei confronti del tabaccaio Luigi Lalomia, 75 anni, di Canicattì, arrestato con l'accusa di avere messo a segno un duplice tentato omicidio per ragioni passionali, in particolare, per bloccare il matrimonio del figlio.

L'anziano avrebbe tentato di investire con l'auto il futuro consuocero, ricoverato in gravi condizioni, e la nuora, salvata - sostiene l'accusa - da un intervento eroico del padre che l'ha allontanata con il braccio.  

La vicenda sarebbe stata scandita da diversi passaggi. Prima le minacce continue al telefono e davanti casa fino all'agguato a colpi di bastone, poi il tentativo di ucciderli investendoli. Il tentato omicidio, la mattina del 30 maggio, si è consumato davanti a un magazzino di proprietà delle vittime: a scatenarlo l'annunciato matrimonio del figlio di Lalomia con la figlia del meccanico 60enne che adesso lotta fra la vita e la morte. 

La ragazza ha riferito alla polizia che, dopo avere comunicato l'intenzione di convolare a nozze, Lalomia e la moglie avrebbero più volte insultato e minacciato lei e i suoi genitori per convincerli a troncare la relazione. 

Fino all'agguato in via Libia. Il futuro consuocero di Lalomia e la figlia erano davanti a un magazzino all'ingresso dell'abitazione. Lì il tabaccaio sarebbe arrivato con un Doblò, si sarebbe fermato e avrebbe iniziato a picchiarli con un bastone, preso dal bagagliaio. I due sarebbero riusciti a levarglielo dalle mani ma Lalomia, risalito sul Doblò, avrebbe fatto marcia indietro per schiacciarli contro il muro.

Alcuni giorni dopo il gip Luisa Turco, su richiesta del procuratore Luigi Patronaggio e del pm Paola Vetro, ha firmato un'ordinanza cautelare in carcere, adesso confermata dal tribunale del riesame.

Lalomia - che ha nominato come difensore l'avvocato Calogero Meli - in occasione dell'interrogatorio di garanzia si era difeso dalle accuse. 

"Non mi sono mai opposto al matrimonio di mio figlio - aveva detto al giudice -, quella mattina sono andato a casa del mio futuro consuocero perchè mia moglie aveva ricevuto una telefonata molto aggressiva da parte di sua moglie. Non ho cercato di uccidere nessuno, ho solo provato a fuggire dopo che hanno preso a bastonate la mia auto e, nella concitazione, ho sbagliato a inserire la marcia". 

La difesa aveva sostenuto che non vi fossero riscontri certi all'ipotesi accusatoria chiedendo al tribunale della libertà di annullare l'ordinanza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Duplice tentato omicidio per bloccare matrimonio del figlio, tabaccaio resta in carcere

AgrigentoNotizie è in caricamento