rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca Canicattì

Canicattì, omicidio involontario: condanna in Appello per Giardina

I giudici hanno accolto le richieste del pm Santo Fornasier che ha sostenuto che la donna morì in ospedale in seguito alle lesioni interne provocate dalla caduta dopo che Giardina l'aveva strattonata per una banale discussione tra vicini che si verificò il 14 giugno 2009

Sei anni ed otto mesi di carcere sono stati inflitti dai giudici della Corte d'Assise di Agrigento ad Ivan Giardina, l' operaio 28enne di Canicattì ritenuto responsabile dell'omicidio preterintenzionale della pensionata Giuseppa Lo Sardo.

I giudici hanno accolto le richieste del pm Santo Fornasier che ha sostenuto che la donna morì in ospedale in seguito alle lesioni interne provocate dalla caduta dopo che Giardina l'aveva strattonata per una banale discussione tra vicini che si verificò il 14 giugno 2009: la donna morì in ospedale il 19 giugno successivo.

Ivan Giardina venne identificato ed arrestato quasi subito come il responsabile della morte dell'anziana seppure non voluta in maniera consapevole.

Secondo la ricostruzione da parte della Procura, i due avrebbero litigato per un ombrellone che il giovane teneva in una zona attigua a quella della casa dell'anziana, che da questo era molto infastidita.

Dopo essersi incontrati per strada, il ragazzo avrebbe spintonato la donna facendola cadere per terra.

Quest'ultima si era poi recata in ospedale dove avrebbe raccontato di essere caduta e di aver sbattuto il fianco e l'addome.

Cinque giorni dopo, il decesso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Canicattì, omicidio involontario: condanna in Appello per Giardina

AgrigentoNotizie è in caricamento