Auto graffiata con un chiodo, dirigente medico nel "mirino"

Un danneggiamento mirato? O un raid vandalico come tanti, ultimamente, se ne stanno registrando? E’ a questi interrogativi che i carabinieri mirano a dare, e anche rapidamente, una risposta

(foto archivio)

Un danneggiamento mirato? O un raid vandalico come tanti, ultimamente, soprattutto ad Agrigento però, se ne stanno registrando? E’ a questi interrogativi che i carabinieri della compagnia di Canicattì mirano a dare, e anche rapidamente, una risposta per fare chiarezza sul danneggiamento dell’auto di un dirigente medico.

Il suv Nissan è stato rigato con un oggetto a punta. Ad essere preso di mira è stato, in maniera particolare, il paraurti anteriore. Tutto sarebbe avvenuto non durante le ore notturne, ma in pieno giorno: alla luce del sole. Il danneggiamento è avvenuto nei giorni scorsi e subito, praticamente poco dopo la scoperta da parte del proprietario della macchina, è stato denunciato alla stazione dei carabinieri. L’episodio, coperto dal più stretto riserbo investigativo, è trapelato ieri dal categorico silenzio dei militari dell’Arma che si stanno, appunto, occupando dell’attività d’indagine. A formalizzare la denuncia, a carico di ignoti, è stato proprio il dirigente medico dell’azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Il danno provocato alla carrozzeria dell’autovettura non è stato quantificato.

I carabinieri, come sempre avviene in casi di questo genere, è praticamente quasi scontato che abbiano verificato la presenza di eventuali telecamere di video sorveglianza pubbliche o private. Impianti che, se effettivamente presenti nell’area dove è avvenuto il danneggiamento, potrebbero imprimere una rapida svolta nelle indagini dei carabinieri.

Nei giorni scorsi, un canicattinese ha denunciato in Questura ad Agrigento, d’aver subito un fatto analogo avvenuto proprio nella città dell’uva Italia. I poliziotti hanno raccolto la segnalazione e l’hanno subito trasmessa ai colleghi del commissariato affinché si occupino loro delle indagini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento