menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bamby

Bamby

Ancora un cane avvelenato ad Agrigento, la via Cimarra teatro dell'orrore

Domenica sera alcuni residenti hanno notato che il "cane del quartiere" non stava bene. Da qui l'immediata decisione di portarla in una clinica. Bamby, questo il nome della vittima, è morta lunedì pomeriggio

Ancora una storia di cani avvelenati, ancora lacrime di gente affezionata a quelli che vengono definiti "i migliori amici dell'uomo"; ancora una storia di farabutti e di persone senza alcun tipo di dignità, pronte a tradire l'amicizia di un cane con una polpetta avvelenata.

Bamby era il cane di tutti. Viveva in via Matteo Cimarra, ad Agrigento, dove gli abitanti della zona le davano da mangiare, la curavano, la accudivano e dove veniva trattata da tutti come se fosse il proprio cane. Mai un episodio spiacevole, né tantomeno alcun tipo di aggressione. Anzi: era conosciuta per il suo carattere mite ed amorevole. Bamby, però, non c'è più: qualche farabutto ha deciso di ucciderla, probabilmente utilizzando le polpette avvelenate.

La scorsa domenica sera alcuni residenti della zona hanno notato che non stava bene. Da qui l'immediata decisione di portarla in una clinica per animali. Bamby ha trascorso la notte in coma farmacologico, lottando tra la vita e la morte. Lunedì pomeriggio, però, il suo cuore si è fermato.

Una morte che ha fatto accendere un campanello d'allarme per gli altri "randagi" (se così si possono definire) che vivevano insieme a Bamby. Gli abitanti di quel quartiere, adesso, hanno paura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento