menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Raccoglievano olive, scoperti sette lavoratori "in nero"

La posizione dei proprietari dei terreni risulta essere ancora al vaglio. I controlli del Nil e dei carabinieri sono stati potenziati

Che il "caporalato", specie in questo periodo dell'anno, vada "di moda" è risaputo. E' del resto il tempo della raccolta delle olive e della vendemmia. Sono stati effettuati dei capillari, e meticolosi, controlli da parte del Nil e dei carabinieri. Accertamenti ed ispezioni che sono riusciti a confermare quanto già era stato ipotizzato: su due terreni di proprietà privata di alcuni cittadini - in territorio di Canicattì e di Campobello di Licata - sono state trovate al lavoro e, naturalmente, sono state bloccate complessivamente nove persone: due agrigentini e sette nordafricani.

I sette è stato accertato che lavorassero "in nero". La posizione dei proprietari dei terreni, ieri, risultava essere ancora al vaglio. E se da un lato, proprio su questo doppio episodio già portato alla luce stanno andando avanti gli accertamenti da parte del Nil e dei militari dell'Arma, dall'altro, sempre i carabinieri, hanno potenziato i controlli nei Comuni dove ci sono coltivazioni di uva ed olive. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento