rotate-mobile
Ha rischiato la vita / Campobello di Licata

Rimase ustionata a causa dell'esplosione della cucina, 35enne lascia l'ospedale dopo quasi 3 mesi di ricovero

A determinare la deflagrazione nell’abitazione non furono le bombole del gas: le quattro bombole presenti in cucina vennero trovate, dai vigili del fuoco, integre

E' tornata a Campobello di Licata, la romena trentacinquenne che a metà dello scorso aprile rimase gravemente ferita a causa dell'esplosione della cucina dell'abitazione di via Napoli. Dopo quasi tre mesi dal terribile incidente domestico e dopo che la donna è stata ricoverata prima all'ospedale di Canicattì, poi a Napoli e infine a Palermo, la trentacinquenne è stata dimessa. 

Scoppia la cucina e resta ustionata: la 35enne è stata trasferita a Napoli, è in coma farmacologico

A determinare la deflagrazione nell’abitazione non furono le bombole del gas: le quattro bombole presenti in cucina vennero trovate, dai vigili del fuoco, integre. Forse era stato lasciato aperto, certamente inavvertitamente, un fornello. Oppure c’era una perdita di gas in cucina. Non appena è stata accesa la luce, si è innescata la scintilla e lo scoppio. A restare ferita, gravemente ustionata appunto, soltanto la donna. Il compagno e le figlie di quest’ultimo, che frequentano le scuole medie ed elementari, – che si trovavano tutti in un’altra stanza – sono invece rimasti, per fortuna, illesi.

Scoppia una bombola di gas nella notte, donna finisce in ospedale

La donna aveva invece riportato gravi ustioni al volto, alle braccia e in tutta la parte superiore del corpo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimase ustionata a causa dell'esplosione della cucina, 35enne lascia l'ospedale dopo quasi 3 mesi di ricovero

AgrigentoNotizie è in caricamento