"Minaccia aggravata", deve scontare 20 giorni di domiciliari: arrestato

Il cinquantenne, bracciante agricolo, è stato bloccato in esecuzione di un’ordinanza del tribunale di Sorveglianza di Palermo

Deve scontare venti giorni di detenzione domiciliare. E’ in esecuzione di un’ordinanza del tribunale di Sorveglianza di Palermo che un cinquantenne, bracciante agricolo, di Campobello di Licata è stato arrestato dai carabinieri della stazione cittadina. L’uomo, secondo quanto è stato ufficializzato ieri dal comando provinciale dell’Arma di Agrigento, è stato ritenuto responsabile di minaccia aggravata. Reato commesso nel 2011.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arrivata l’ordinanza del tribunale di Sorveglianza di Palermo, i carabinieri di Campobello di Licata hanno rintracciato il bracciante agricolo che è stato convocato in caserma. Dopo la notifica del provvedimento, l’uomo è stato accompagnato nella sua abitazione dove, per i prossimi venti giorni, dovrà restare in regime di detenzione domiciliare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Palma sotto choc per la morte di Marchese, il sindaco: "Siamo sgomenti per il brutale omicidio"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento