menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incenerito un campo di grano di 4 ettari, è stato un gesto mirato?

Il danno, provocato ad un bracciante agricolo quarantacinquenne, è stato quantificato in circa cinque mila euro

E’ stato un “semplice” incendio di sterpaglie che, estendendosi, ha provocato danni? O è stato un rogo appositamente appiccato? Sono questi gli interrogativi che si sono posti – e che continuano a porsi – i carabinieri della stazione di Campobello di Licata e quelli della compagnia di Licata. Militari dell’Arma che stanno cercando di stabilire che cosa, e da dove, abbia innescato l’incendio che ha letteralmente inghiottito tre, forse quattro, ettari di fondo agricolo coltivato a grano. L’incendio si è verificato negli scorsi giorni, soltanto ieri però la notizia è trapelata dal fitto riserbo investigativo dei militari dell’Arma.

Il fondo agricolo, alla periferia di Campobello di Licata, è risultato essere di proprietà di un bracciante agricolo quarantacinquenne. Un lavoratore che ha subito un danno quantificato in circa 5 mila euro. I carabinieri della stazione di Campobello di Licata oltre ad effettuare il sopralluogo mirato, hanno avviato le indagini per cercare di stabilire se quanto accaduto è stato frutto di un incidente o se invece dietro quel danneggiamento vi sia un vero e proprio incendio doloso. Appiccato cioè con l’intento di provocare un danno al bracciante agricolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento