menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finti badanti estorsero casa e oltre 150 mila euro ad anziana che dovevano accudire, due condanne

I giudici infliggono 6 anni e 6 mesi di reclusione a Francesco Nocera, 51 anni, e alla compagna Irene Salvatrice Infuso, 38 anni: disposta anche la confisca dell'immobile sottratto con la violenza

I giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento, presieduta da Alfonso Malato, hanno condannato Francesco Nocera, 51 anni, e la compagna Irene Salvatrice Infuso, 38 anni, di Campobello di Licata, a 6 anni e 6 mesi di reclusione con l'accusa di estorsione.

I due imputati (difesi dall'avvocato Salvatore Loggia) avrebbero costretto con la violenza un'anziana che li aveva ingaggiati come badanti a svuotare il conto corrente con un saldo di 148mila euro, svincolare dei buoni fruttiferi e, persino, intestargli un appartamento. La vittima è un’ottantenne. I fatti si sono verificati, a più riprese, nel 2007. 

L’approccio fra la donna e Nocera fu quasi casuale. Quando la sorella si ammalò ebbe bisogno di un autista per essere accompagnata da Campobello di Licata, dove abitava, all’ospedale Canicattì. Nocera, col quale c’era un rapporto di conoscenza, accettò l’incarico in cambio del compenso di 30 euro. L’uomo a quel punto, secondo la ricostruzione della vicenda, avrebbe presentato la propria compagna alla donna e i due si sarebbero offerti di aiutare le anziane pagando le bollette e sbrigando le altre commissioni quotidiane. Nocera e la compagna avrebbero sequestrato in casa la sorella malata legandola a una sedia e minacciando che l’avrebbero uccisa se non fosse stata assecondata la loro richiesta. E così l’anziana, mentre la sorella era in casa insieme a Nocera, sarebbe andata in banca insieme a Irene Infuso che fu presentata agli impiegati della filiale come nipote attribuendole il potere di prelievo. La donna in pochi giorni avrebbe fatto sparire 148mila euro e nei giorni successivi avrebbe minacciato l’anziana per costringerla a svincolare altri buoni fruttiferi postali. Ma non solo: l’ottantenne sarebbe stata costretta ad andare dal notaio e vendere la casa a Nocera. 

I giudici, adesso, oltre a stabilire la condanna a 6 anni e mezzo di carcere e il risarcimento, hanno disposto una provvisonale (anticipo del risarcimento da pagare subito) di 30.000 euro nei confronti della donna che si è costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Monica Malogioglio e ha disposto la confisca dell'appartamento estorto con la violenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento