Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Campobello di Licata

"Finse d'essere alla guida dell'auto incidentata", chiesto giudizio per operatrice sanitaria

La donna è indagata di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e truffa. L'Asp ha già deciso di costituirsi parte civile

Il pm ha chiesto il rinvio a giudizio di una donna, una operatrice sanitaria, accusata di truffa e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. L'Asp di Agrigento, quale parte offesa, ha già deciso di costituirsi parte civile durante l'udienza dinanzi al gup. 

Fra il 25 e il 30 ottobre del 2017, la donna ha dichiarato ai carabinieri della stazione di Campobello di Licata di essere stata coinvolta, quale conducente, in un incidente stradale. In realtà - stando agli accertamenti dei militari dell'Arma - l'auto è risultata essere guidata dalla figlia. L'operatrice sanitaria ha sostenuto d'aver riportato, proprio in quell'incidente, lesioni e i sanitari del presidio ospedaliero di Canicattì hanno refertato sette giorni di prognosi. Si è configurata dunque - secondo la Procura - la fattispecie di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. Ma la donna è stata indagata anche per truffa: "con artifici e raggiri consistiti nel dichiarare di essere falsamente coinvolta nel sinistro stradale e di avere riportato lesioni personali, induceva in errore i sanitari dell'ospedale di Canicattì i quali le rilasciavano un referto medico con prognosi di 7 giorni e i funzionari dell'azienda sanitaria provinciale presso la quale la donna prestava servizio come operatrice sanitaria, in merito alla sussistenza dei requisiti legittimanti la concessione del congedo per malattia, provvedendo a versarle i relativi emolumenti, pari a 372 euro, procurandosi un corrispondente, ingiusto, profitto con pari danno per l'Asp, con l'aggravante di avere commesso il fatto ai danni di un ente pubblico". Fatto quest'ultimo commesso, scrive l'accusa, a Campobello di Licata in data successiva e prossima al 31 ottobre 2017. 

L'Asp di Agrigento ha deciso di costituirsi parte civile "per tutelare le ragioni e gli interessi anche in ordine al risarcimento del danno subito e anche in relazione all'eventuale danno arrecato sotto ogni giuridico profilo". Il commissario straordinario dell'Asp ha già affidato l'incarico professionale ad un avvocato esterno.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Finse d'essere alla guida dell'auto incidentata", chiesto giudizio per operatrice sanitaria

AgrigentoNotizie è in caricamento