Salotto trasformato in un centro di stoccaggio di marijuana: aperta un'inchiesta

La residenza è risultata essere disabitata da anni, il "magazzino" - con zone adibite all’essiccazione delle piante - è stato realizzato all’insaputa della proprietaria

La droga, in fase di essiccazione, ritrovata nel salotto

Scovato, a Campobello di Licata, un magazzino di stoccaggio di marijuana nell’abitazione di un’ignara anziana residente nel Nord Italia. A mettere a segno quella che è stata l'ennesima azione di contrasto allo spaccio di stupefacenti sono stati, nella serata di ieri, nell'ambito dei servizi disposti dal comando provinciale dell'Arma, i carabinieri di Campobello. Ad essiccare c'erano un totale di oltre 100 piante, mentre in grosse buste - di un chilogrammo - c'era dell'altra "roba". Quasi 10 chili la sostanza stupefacente che, di fatto, era già pronta per essere venduta. Oltre alla droga, i carabinieri, hanno rinvenuto, sempre all’interno dell’abitazione, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. La droga e il materiale rinvenuto sono stati sequestrati dai carabinieri per le successive operazioni di distruzione. Resta da capire chi ci fosse dietro tali attività.  

IL VIDEO. Scovate più di 100 piante di marijuana in fase d'essiccazione: ecco le immagini

Campobello di Licata è noto anche per i suoi vigneti. Evidentemente quella lavorata nel salotto della casa disabitata da anni e, molto probabilmente all’insaputa della proprietaria, non era però l’uva proveniente dai campi, ma marijuana di ottima qualità. I carabinieri, durante un servizio antidroga, nella periferia di Campobello di Licata, sono stati attirati dall’odore caratteristico di “marijuana”. Ai militari, è bastato compiere qualche giro nella zona con i finestrini della loro autovettura di servizio aperti, per individuare il punto dove l’odore dello stupefacente si faceva più intenso. Percorsi gli ultimi metri a piedi, i carabinieri sono riusciti ad individuare l’abitazione all’apparenza abbandonata e di proprietà di un’anziana signora residente in Nord Italia da anni. La porta non era chiusa a chiave. È bastata, ai militari, una leggera spinta per aprirla e trovarsi davanti a una scena per certi versi surreale.

Il salotto dell’abitazione era stato trasformato - hanno ricostruito dal comando provinciale dell'Arma di Agrigento - in un vero e proprio locale di stoccaggio per la marijuana, con zone adibite all’essiccazione delle piante. Canapa appesa ovunque, sul lampadario, alle pareti, al posto dei quadri, o adagiata sul divano, sul tavolo e su tutta la superficie del pavimento. Un totale di oltre 100 piante in fase di essiccazione, appunto. E poi c'era quella - dieci chili quasi - già contenuta nelle buste. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Arriva la conferma: il tampone Covid-19 è positivo, contagiato secondo agente della Penitenziaria

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento