Condannato a 12 anni per mafia, arrestato il cugino del boss Falsone

I carabinieri hanno eseguito l'ordinanza e lo hanno portato alla casa circondariale di contrada Petrusa

Angelo Middioni

Mercoledì scorso, la Corte d’appello di Palermo – ribaltando la sentenza di assoluzione di primo grado – aveva condannato a 12 anni di reclusione Angelo Middioni, 42 anni, cugino del boss Giuseppe Falsone. I carabinieri della stazione di Campobello di Licata e quelli del reparto Operativo del comando provinciale di Agrigento, nelle ultime ore, lo hanno arrestato e portato alla casa circondariale di contrada Petrusa ad Agrigento.

"Non era il boss del paese ma era mafioso", inflitti 12 anni al cugino di Falsone 

Middioni – accusato dai collaboratori di giustizia Maurizio Di Gati e Giuseppe Sardino – è stato condannato perché sarebbe stato un affiliato alla “famiglia” mafiosa di Campobello, ma non aveva ruoli direttivi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, il bollettino dell'Asp: 88 nuovi positivi, 6 ricoverati e 2 vittime

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento