rotate-mobile
Cronaca

Ciclista 26enne travolto da un'auto e ucciso, processo agli sgoccioli per 55enne

L’incidente in cui perse la vita Mirek Coniglio è avvenuto il 23 agosto del 2017: Gioacchino Barbera, 55 anni, è accusato di omicidio stradale

Il gup Luisa Turco, che nei mesi scorsi dopo la requisitoria del pm che aveva chiesto la condanna a 2 anni e 4 mesi e le arringhe difensive, aveva nominato un perito per fare luce sulla ricostruzione della dinamica, acquisisce la consulenza tecnica della parte civile e dispone le nuove conclusioni delle parti. È arrivato agli sgoccioli il processo a carico di Gioacchino Barbera, 55 anni, di Campobello di Licata, imputato di omicidio stradale per avere provocato – secondo l'accusa – la morte di un ciclista ventiseienne, Mirek Coniglio, investendolo con la sua auto.

L’incidente è avvenuto il 23 agosto del 2017. Coniglio è stato travolto dall’auto di Barbera, nei pressi del cimitero di Campobello di Licata. La Procura contesta all’imputato, difeso dagli avvocati Salvatore Manganello e Salvatore Loggia, di non avere tenuto una condotta di guida prudente e di non avere rispettato la distanza di sicurezza col mezzo a due ruote che travolse in una fase di sorpasso. Il ragazzo, figlio di Vito Coniglio, sindaco del Comune di Ravanusa una ventina di anni fa, morì l’indomani mattina, dopo che i medici tentarono inutilmente di salvarlo e tamponare i gravi traumi provocati dall’impatto. Il 28 ottobre si torna in aula per la nuova requisitoria e le altre arringhe. Il giudice, lo scorso 18 marzo, anziché emettere il verdetto, ha disposto il supplemento istruttorio dando incarico all’ingegnere Pietro Minacapelli che ha fornito maggiori chiarimenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclista 26enne travolto da un'auto e ucciso, processo agli sgoccioli per 55enne

AgrigentoNotizie è in caricamento