menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La strada dove è avvenuto l'incidente, nel riquadro la vittima

La strada dove è avvenuto l'incidente, nel riquadro la vittima

Ciclista 26enne investito e ucciso da auto, il giudice dispone nuova perizia

Sarà ricostruita con maggiore precisione la dinamica dell'incidente che costò la vita a Mirek Coniglio

Per il giudice è indispensabile fare maggiore chiarezza sulla dinamica dell’incidente che ha provocato la morte di un ciclista ventiseienne, Mirek Coniglio, investito e ucciso da un’auto. Il gup Luisa Turco, davanti al quale è in corso il processo per omicidio stradale con rito abbreviato, a carico di Gioacchino Barbera, 55 anni, di Campobello di Licata, ieri mattina, anziché emettere il verdetto, ha disposto la nomina di un perito.

Chiesta condanna a 2 anni e 4 mesi

Sarà l’ingegnere Pietro Minacapelli a ricostruire la dinamica del sinistro con maggiore chiarezza. L’incidente è avvenuto il 23 agosto del 2017. Coniglio è stato travolto dall’auto di Barbera, nei pressi del cimitero di Campobello di Licata. La Procura contesta all’imputato di non avere tenuto una condotta di guida prudente e di non avere rispettato la distanza di sicurezza col mezzo a due ruote che travolse in una fase di sorpasso. 

Il pm, all’udienza precedente, aveva chiesto la condanna a 2 anni e 4 mesi. Dopo le arringhe di parte civile e dei difensori dell'imputato, gli avvocati Salvatore Manganello e Salvatore Loggia, il giudice aveva rinviato l'udienza a ieri. Anziché emettere la sentenza, però, è stato deciso il supplemento istruttorio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento