La tragedia di Cammarata, il sindaco: "Proclamerò il lutto cittadino"

Cosimo e Nikol erano arrivati – da Francoforte - all’aeroporto di Punta Raisi, avevano preso a noleggio un’autovettura e stavano andando a casa di parenti

Il luogo della tragedia e la vittima Cosimo Fustaino

"Proclamerò il lutto cittadino. E' una tragedia che colpisce l'intera comunità". Lo ha detto il sindaco di Cammarata, Vincenzo Giambrone, dopo la tragedia - determinata dal maltempo - che ha ucciso Cosimo Fustaino, 54 anni originario di Valledolmo, e la moglie Nikol: una tedesca di 47 anni. 

Auto scaraventata in un burrone, recuperati i corpi della coppia 

Cosimo e Nikol erano arrivati – da Francoforte - all’aeroporto di Punta Raisi, avevano preso a noleggio un’autovettura e stavano andando a casa di parenti: in contrada Sant’Onofrio a Cammarata. Alle 20 di sabato, mentre erano ancora sulla Palermo-Agrigento, l’ultima telefonata ai congiunti: “Stiamo arrivando, manca pochissimo!”. Forse hanno sbagliato strada, forse ha ritenuto di procedere più rapidamente ed ha imboccato una traversa della strada provinciale 26: un’arteria interpoderale. All’altezza di un piccolo ponte, l’autovettura è stata investita dalla furia dell’acqua e da una montagna di detriti. Travolta e sbalzata in un burrone profondo circa 30 metri.

Tragedia a Cammarata, morti marito e moglie 

Cosimo Fustaino e la moglie quarantasettenne Nikol sono morti senza alcuna possibilità di aiuto, né soccorsi. I loro corpi – dopo che inizialmente erano stati dati per dispersi – sono stati ritrovati ieri mattina dai vigili del fuoco e dai carabinieri: un cadavere era a circa 100 metri dalla macchina, l’altro ad oltre 500 metri. Cosimo Fustaino era diretto a casa della sorella. Era molto legato alla donna e un paio di volte l’anno tornava a trovarla. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La coppia, infatti, fin dalla tarda serata di sabato – era mezzanotte circa - è stata data per dispersa. I carabinieri di Cammarata hanno setacciato - con innumerevoli difficoltà perché la pioggia è arrivata, in alcuni punti, anche a sette metri d’altezza – tutte le strade d’accesso al paese. Soltanto ieri mattina all’alba, le ininterrotte ricerche hanno dato il drammatico esito: lungo la strada provinciale che collega Castronovo di Sicilia con Cammarata, i militari dell’Arma hanno notato un’autovettura in un dirupo, lungo un corrente. I militari dell’Arma, imbracandosi e aiutandosi con delle corde, sono scesi nel burrone e hanno ritrovato i corpi, sbalzati fuori dal veicolo, sommersi dai detriti. E’ scattato dunque l’allarme e in contrada Sant’Onofrio, per il recupero delle salme, si è precipitata la squadra specializzata dei vigili del fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane torna da Malta e risulta positivo al Covid, emigrato sabettese ricoverato a Malattie infettive

  • Temporali in arrivo, diramata una nuova allerta meteo "gialla"

  • Da Covid-free a incubo contagi, 6 gli ammalati: tutti tornati da Malta, Romania, Belgio e Lombardia

  • Disoccupato 37enne si toglie la vita, i carabinieri avviano le indagini

  • Torna da Malta e risulta positivo al Covid: nuovo contagio a Porto Empedocle

  • Immigrati ballano nudi sul balcone di casa, agrigentini esasperati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento