"Sequestra, tenta di violentare e picchia minorenne": 50enne nei guai

Tre amici della ragazzina hanno confermato le accuse in aula: "Ci disse che era traumatizzata per quello che le era accaduto"

“Era profondamente turbata per quello che le era accaduto, ce lo raccontò dicendoci di essere traumatizzata”. Tre amici di una ragazzina, all’epoca dei fatti, due anni fa, diciassettenne, confermano in aula le accuse che hanno portato a processo Enzo Cangemi, 50 anni, di Camastra, imputato di tentata violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni. L’episodio al centro del processo, giunto alle battute iniziali davanti ai giudici della seconda sezione penale presieduta da Wilma Angela Mazzara, sarebbe accaduto il 27 dicembre del 2016.

A denunciarlo ai carabinieri, poche ore dopo i fatti, sono stati i familiari della ragazzina che hanno anche prodotto dei certificati medici per sostenere le accuse. Cangemi, che ha nominato come difensore l’avvocato Angela Porcello, avrebbe adescato una ragazzina convincendola a salire sull’auto. Il suo obiettivo sarebbe stato quello di avere un rapporto sessuale orale con lei e per questo le avrebbe impedito di scendere dall’auto e avrebbe cercato di abbassarle la testa all’altezza delle sua zona pubica cercando di abbassarsi la cerniera dei pantaloni e stringendole con violenza un polso per evitare che potesse reagire. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento