"Legittimo abolire le posizioni organizzative", ex dirigente dovrà pagare spese legali

Il titolare del settore finanziario del comune aveva contestato la scelta dell'ex sindaco, che però per i tribunali è legittima

Fu legittimo abolire le posizioni organizzative al Comune di Camastra. La Corte di Appello di Palermo, come riporta l'edizione odierna del Giornale di Sicilia, ha infatti dato ragione all'ex sindaco Angelo Cascià, che nel 2013 provvide ad abolire i cosiddetti Tapo.

La corte, confermando il pronunciamento del primo grado, ha respinto il ricorso presentato dall'ex dirigente del settore finanziario, il quale contestava non solo la revoca delle posizioni organizzative, ma chiedeva anche un risarcimento economico da 80mila euro. La Corte di Appello di Palermo, invece, ha rigettato il ricorso dell'uomo, condannandolo alle spese legali per 7.259 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

  • "Sono caduta dalle scale": ferite non compatibili col racconto, avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento