"Non hai pagato la droga, dacci un terreno": chiesti 4 rinvii a giudizio

L'inchiesta del pubblico ministero Gloria Andreoli si allarga, la vicenda approda in aula per il processo

Il 12 febbraio davanti al gup Stefano Zammuto: quattro imputati, due dei quali finirono pure in carcere, vanno a processo. Il pubblico ministero Gloria Andreoli ha chiesto il rinvio a giudizio di Antonino Chiazza, 49 anni, di Palma di Montechiaro; Michele Amato, 44 anni, di Canicattì; Antonio Chiazza, 33 anni, di Palma di Montechiaro e Giuseppe Triglia, 35 anni, di Canicattì. 

I primi due, il 19 febbraio scorso, furono arrestati, con l'accusa di tentata estorsione, perchè avrebbero preteso la cessione gratuita di un terreno di 12 mila euro per compensare un debito di appena un sesto del valore. L'ordinanza cautelare fu firmata dal gip Alfonso Malato. Chiazza e Amato, sostiene l'accusa, avevano ceduto varie dosi di cocaina a un licatese di 49 anni che aveva accumulato un debito di circa 2 mila euro. Per saldarlo Chiazza e Amato avrebbero preteso la cessione del terreno che si trovava a Camastra.

Entrambi sono da tempo accusati di tentata estorsione e spaccio di droga. L’inchiesta, coordinata dal pubblico ministero Gloria Andreoli e svolta sul campo dai carabinieri, è durata appena due settimane. La presunta vittima, secondo la ricostruzione dell’episodio, aveva acquistato a credito varie dosi di cocaina, per un valore complessivo di circa 2.000 euro. Non era, però, riuscito a pagare il debito contratto con i suoi fornitori e temeva ritorsioni. Per questo decise di raccontare tutto ai carabinieri.

I due imputati arrestati insieme a Triglia sono accusati di avere ceduto, fra l'estate del 2017 e il febbraio scorso, la cocaina all'uomo divenuto poi bersaglio del presunto tentativo di estorsione.

Gli imputati hanno nominato come difensori gli avvocati Angela Porcello, Ninni Giardina, Calogero Montante, Giovanni Lo Monaco e Santina Campo. I legali, all'udienza preliminare, potranno chiedere riti alternativi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • La tempesta tiene in ostaggio la provincia, è allerta "arancione": ecco dove resteranno chiuse le scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento