Assenteismo, decisa assoluzione per ventuno impiegati

Per il giudice l'interruzione di pubblico servizio non sussiste e la truffa è "tenue"

Il fatto non sussiste per l’accusa di interruzione di pubblico servizio. Assoluzione, per “tenuità del fatto”, per l’imputazione di truffa. In sostanza i brevi allontanamenti dal posto di lavoro di ventuno impiegati del Comune di Camastra non hanno rappresentato alcun raggiro ai danni dell’ente che non ne avrebbe avuto neppure un danno penalmente perseguibile. È terminato con questo verdetto, emesso attorno alle 17 dal giudice monocratico del tribunale di Agrigento Gianfranca Claudia Infantino, un processo iniziato sei anni fa che vedeva imputati ventuno impiegati finiti sotto inchiesta in una delle tante indagini antiassenteismo della Procura.

Si tratta di Nazareno Bellomo, 61 anni; Nicola Costanza, 59 anni; Giuseppe Bonvissuto, 58 anni; Giuseppina Di Caro, 62 anni; Giuseppe Onolfo, 64 anni; Giuseppe Provenzani, 66 anni; Maria Brunco, 61 anni; Giuseppe Gaglio, 61 anni; Colomba Onolfo, 61 anni; Calogero Prato, 55 anni; Anna Maria Scibetta, 68 anni; Calogera Tesè, 68 anni; Rosalba Di Caro, 54 anni; Graziella Todaro, 56 anni; Rosa Colomba Amato, 52 anni; Maria Giovanna Di Miceli, 51 anni; Maria Messina, 54 anni; Calogero Gramaglia, 47 anni; Franco Polizzi, 46 anni, e Giuseppe Brunco, 58 anni.

Gli imputati (difesi, fra gli altri, dagli avvocati Ignazio Valenza, Valentina Fabbrica, Diego Giarratana e Giuseppe Cacciatore) sono impiegati – qualcuno nel frattempo è andato in pensione – del Comune di Camastra con vari incarichi all’interno degli uffici. L’indagine, che è sfociata nel 2012 con i ventuno rinvii a giudizio decisi dal giudice dell’udienza preliminare, è stata svolta sul campo dai carabinieri della Compagnia di Licata che hanno eseguito alcuni servizi di osservazione. In particolare i militari hanno notato che gli impiegati, nelle ore mattutine, quando erano in servizio, uscivano dall’ufficio e si allontanavano senza una giustificazione quando, invece, avrebbero dovuto restarvi all’interno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento