"Detenzione illecita di armi e ricettazione", assolto Giuseppe Meli

La sentenza è stata emessa oggi dal giudice Rosanna Croce. Il Pm, durante la sua requisitoria, aveva invece chiesto la condanna a tre anni

Giuseppe Meli

Il giudice Rosanna Croce ha assolto Giuseppe Meli, 47 anni, di Camastra, dall'accusa di detenzione illecita di armi e ricettazione. Il Pm, durante la sua requisitoria, aveva invece chiesto la condanna a tre anni. La difesa, rappresentata dall'avvocato Santo Lucia, ha provato che l'imputato - durante l'intercettazione telefonica - stava parlando di alcuni documenti di lavoro: in particolare di un funerale che doveva fare. 

"Detenzione di armi", Giuseppe Meli torna libero  

 Giuseppe Meli è figlio del presunto boss di Camastra Rosario Meli. Il processo che si è concluso oggi con l'assoluzione dell'imputato è una costola del processo "Vultur". Durante le indagini della Squadra Mobile, dopo delle intercettazioni fatte dagli investigatori sono scattate delle perquisizioni. E in casa di una parente dell'indagato sarebbe stata trovata una pistola calibro 7,65, delle fondine e delle munizioni. 

La difesa ha provocato che l'imputato stava parlando di documenti di lavoro e non di armi. E' arrivata, dunque, l'assoluzione piena. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento