menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La copertina del calendario 2013

La copertina del calendario 2013

Carabinieri, ecco il calendario storico 2013: c'è anche Agrigento

Tra i racconti racchiusi nelle pagine del calendario, che riporta la storia dell'Arma dal 1914 al 1964, c'è anche un rapporto redatto intorno al 1930 dalla Compagnia interna dei carabinieri di Agrigento

E' stato presentato stamani il nuovo calendario storico dell'Arma dei carabinieri. Il colonnello Riccardo Sciuto, insieme al capitano Giuseppe Asti e al capitano Nicolò Pisciotta, ha presentato le 12 tavole al Comando provinciale di Agrigento. Tra i racconti racchiusi nelle pagine del calendario, che riporta la storia dell'Arma dal 1914 al 1964, c'è anche un rapporto redatto intorno al 1930 dalla Compagnia interna dei carabinieri di Agrigento, con il quale vennero imputati di associazione per delinquere 121 persone operanti in una vasta zona della Sicilia centrale. In quell'occasione, proprio per l'incisiva azione svolta contro la criminalità siciliana, vennero concesse ai carabinieri 124 medaglie d'argento e 47 di bronzo al Valor Militare, 6 medaglie al Valor Civile, 14 attestati di pubblica benemerenza e 50 encomi solenni. "E' stata una graditissima sorpresa – ha detto il colonnello Sciuto – scoprire che Agrigento figurasse nel calendario storico dell'Arma". 

Il filo conduttore che lega il calendario 2013, illustrato dalle tavole ideate e realizzate dal maestro Paolo Di Paolo, è costituito dal tema "Il terzo cinquantennio di storia dell'Arma dei Carabinieri: 1914-1964". Dall'annuncio dell'entrata in guerra dell'Italia contro l'Austria, il 24 maggio 1915, con la partenza per la prima volta della Bandiera dell'Arma dei carabinieri al fronte, alla strage di Ciaculli (Palermo) del giugno 1963, che rappresenta una delle nuove forme di delittuosità mai utilizzate prima di allora dalla criminalità e che impegnarono i carabinieri a tal punto da far titolare un diffuso settimanale dell'epoca: "I Carabinieri son sempre in guerra per farci vivere in pace".
 
La copertina riporta in primo piano, in rilievo, un particolare del ''Monumento Nazionale al Carabiniere'', eretto nel giardino del Palazzo Reale di Torino, a ricordo della gloria dei carabinieri attraverso i tempi. Sullo sfondo, una foto della sua inaugurazione, avvenuta il 22 ottobre del 1933 alla presenza del Re Vittorio Emanuele III, di numerose autorità e personalità civili e militari, nonché di una folta folla composta da cittadini provenienti da ogni parte d'Italia.
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento