Domenica, 14 Luglio 2024
L’intervento / Naro

Caldo estremo e peronospora mettono in ginocchio i vigneti: chiesto lo stato di calamità

Il sindaco Maria Grazia Brandara scrive alla Regione: “Un intero comparto è in crisi, servono interventi straordinari”

Il caldo anomalo degli ultimi 10 giorni ha favorito la diffusione incontrollata della pericolosa peronospora delle viti. Per questo motivo il sindaco di Naro, Maria Grazia Brandara, ha chiesto alla Regione la predisposizione degli atti necessari per il riconoscimento dello stato di calamità naturale.

La lettera, inviata all’assessorato dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea e all’ispettorato provinciale dell’agricoltura, prende spunto dalle segnalazioni giunte dagli agricoltori che lamentano la perdita di almeno il 95 per cento dei grappoli delle piante di vite dovuto alle temperature che hanno superato i 40 gradi.

Una situazione che arriva dopo che già il clima dei mesi scorsi, con forti piogge registrate a maggio, aveva impedito agli agricoltori stessi di predisporre i trattamenti contro la peronospora che aveva inflitto gravissimi danni alle coltivazioni.

“La dichiarazione di stato di calamità – spiega il sindaco Brandara – è urgente e necessaria, perché i nostri agricoltori hanno sostanzialmente visto andare in fumo il lavoro di un intero anno in un contesto già difficilissimo come quello delle uve da mosto e da tavola, dove si registrano problemi connessi al bassissimo costo all’ingrosso del prodotto. Servono quindi interventi straordinari che salvino un intero comparto dalla desertificazione lavorativa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo estremo e peronospora mettono in ginocchio i vigneti: chiesto lo stato di calamità
AgrigentoNotizie è in caricamento