menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calci, pugni e bottigliate ad un ambulante: pestaggio a San Leone

Gli esagitati – sette o otto – si sono immediatamente allontanati, non lasciando tracce dietro le loro spalle

Calci, pugni e perfino una bottigliata in testa contro un commerciante ambulante, che si occupa della somministrazione di panini e bevande, nei pressi di piazzale Caratozzolo a San Leone. Il maxi pestaggio è avvenuto alle 22,30 circa di venerdì. Ed ha avuto come scenario una location – la parte iniziale di San Leone – che era stracolma di agrigentini e residenti dell’hinterland. Il commerciante ambulante, quarantenne, è finito al pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” dove i medici – dopo averlo sottoposto a tutti gli accertamenti sanitari ritenuti necessari – gli hanno diagnosticato un trauma cranico e gli hanno applicato alcuni punti di sutura.

Cosa abbia determinato l’aggressione con pestaggio, ieri, non risultava essere affatto chiaro. Pare che a scagliarsi contro l’esercente siano state sette, o forse addirittura otto, persone. Letteralmente sotto choc le persone – e sono state tantissime – che hanno assistito al tafferuglio. Il quarantenne ha, naturalmente, cercato di difendersi, ma è, inevitabilmente, rimasto ferito. I primi ad accorrere sul luogo della segnalata aggressione sono stati gli agenti della polizia municipale, coloro che erano in servizio di viabilità per la manifestazione “Street food”. I vigili urbani hanno cercato di fare il possibile. Nei pressi di piazzale Caratazzolo, una manciata di minuti dopo, sono giunti anche i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile e la pattuglia della sezione “Volanti” della Questura.

Gli esagitati – sette o otto – si sono immediatamente allontanati, non lasciando tracce dietro le loro spalle. E’ stato, dunque, il momento dei soccorsi e il quarantenne – commerciante ambulante – è stato accompagnato all’ospedale di contrada Consolida. Le forze dell’ordine hanno subito avviato l’attività investigativa e pare che siano stati raccolti degli elementi per riuscire ad identificare se non tutti, almeno una buona parte, degli aggressori. Sembra probabile – ma non è, naturalmente, scontato – che possano, nei prossimi giorni, scattare delle denunce alla Procura della Repubblica. Ieri, le indagini risultavano essere ancora in corso. E pare che non fossero neanche ad una fase embrionale visto che aleggiava la possibilità dell’identificazione di alcuni degli aggressori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento