Lotta alle deiezioni canine, il cartello choc: "Se non raccogli, la cacca sei tu"

Il manifesto, al momento diffuso sui social dal Comune, mira a sollecitare i padroni di cani a non lasciare per terra le feci

Il manifesto promosso dal Comune

Lotta all'abbandono delle deiezioni canine, il Comune di Santo Stefano Quisquina punta su una campagna di sensibilizzazione "shock". Infatti, da ieri, sui canali social dell'ente (attivo su Facebook e anche su Telegram) è comparsa la foto di un manifesto che non è chiaro se sarà anche affisso sulle pareti della città. Il contenuto è inequivocabile. Al centro, un disegno stilizzato e "fumettoso" di una "cacca" e intorno il messaggio: "Se mi abbandoni per strada, la caca sei tu. Campagna virale contro l'abbandono degli escrementi canini".

Una iniziativa che farà discutere e che forse ha anche suscitato un po' di sana ilarità ma che è solo la manifestazione più curiosa di un problema che riguarda moltissimi comuni. Nonostante l'abbandono per strada delle deiezioni dei cani privati sia non solo un reato da codice penale (articolo 639, "Deturpamento e imbrattamento di cose altrui") e nonostante molte amministrazioni comunali abbiano emesso ordinanze ad hoc per contrastare il fenomeno, i cittadini continuano a non aver rispetto per gli altri e, ogni volta che il proprio cane durante la passeggiata giornaliera defeca su strade o marciapiedi non raccolgono tutto mediante l'apposito sacchettino. Che le offese, adesso, sblocchino la situazione?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento