Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

"Buco alle pareti e rapine alle Poste", confiscato patrimonio di un palermitano

Stando all'accusa, l'uomo avrebbe razziato anche gli uffici postali dell'Agrigentino

Con il metodo del "buco alle pareti" ha messo a segno - stando alle ricostruzioni ufficializzate dalla polizia - rapine agli uffici postali anche dell'Agrigentino. Il suo patrimonio, dal valore complessivo di circa 600.000 euro, adesso è stato confiscato. Il provvedimento ablatorio definitivo, emesso dal tribunale di Palermo, riguarda Giuseppe Isaia di 56 anni. Un provvedimento che è stato emesso su proposta del questore di Palermo che si basato sugli esiti delle indagini patrimoniali condotte dall'ufficio Misure di Prevenzione patrimoniali della divisione Anticrimine della Questura di Palermo.

La confisca, che costituisce il naturale epilogo del sequestro già eseguito nel 2018, riguarda nello specifico 3 immobili, tutti localizzati nella provincia di Palermo, tra Altavilla Milicia e Trabia; un’autovettura, nonché rapporti finanziari. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Buco alle pareti e rapine alle Poste", confiscato patrimonio di un palermitano

AgrigentoNotizie è in caricamento