menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Licata, Brandara ad Alfano: «Mandate Unità delitti insoluti»

L'invito scaturisce nelal speranza di dare soluzione al delitto di Angelo Truisi, di Angelo Aiola, scomparso il 16 agosto 2004, di Gaetano Bottaro scomparso nel 2010, e a quelli dei coniugi Antonino e Rita Timoneri

Con una lettera indirizzata al Ministero dell’Interno, Angelino Alfano, il Commissario straordinario del Comune, Maria Grazia Brandara, gli ha chiesto «di valutare - si legge testualmente nella nota - l’invio in città del corpo speciale dell’Unità Delitti Insoluti della Polizia di Stato, istituita nel 2009 presso la Direzione Centrale Anticrimine, per tentare di ridestare tra i licatesi la speranza nelle Istituzioni nella consapevolezza che nessun atto contro la vita può rimanere impunito».

«Pur apprezzando l’impegno profuso in questi anni da carabinieri e polizia, presenti in città - sottolinea il Commissario del Comune - ho ritenuto necessario cercare di coinvolgere il Ministro per ridestare ai licatesi la speranza nelle Istituzioni, nella consapevolezza che nessun atto contro la vita può rimanere impunito alla luce di quanto registrato in questa, a me cara ed amata città, a seguito di vari omicidi dei quali si conoscono le vittime, ma non ancora i colpevoli, nonostante, in alcuni casi, il passare di molto tempo. Mi riferisco al delitto di Angelo Truisi, accaduto nel corso del mio mandato, di cui proprio oggi si stanno celebrando i funerali dopo che soltanto da poco gli esami del Dna hanno confermato essere il suo corpo. Ma anche ai delitti di Angelo Aiola, scomparso il 16 agosto 2004; di Gaetano Bottaro scomparso nel 2010; e a quelli dei coniugi Antonino e Rita Timoneri».

Nella sua lettera indirizzata al Ministro Alfano, Brandara, dopo aver ricordato di essersi insediata alla guida del Comune di Licata il 5 dicembre scorso, afferma di avere avuto modo di «conoscere ed apprezzare la tempra di una popolazione laboriosa e dignitosa nonostante le difficoltà storiche che non risparmiano un territorio socialmente ed economicamente vulnerabile», aggiunge che il suo augurio è quello «che le indagini sappiano assicurare presto alla giustizia il responsabile o i responsabili di queste atrocità» e di avere notato «nella gente di Licata quasi come una fatale rassegnazione generata dai precedenti fatti di sangue irrisolti».

Da ciò l’invito al Ministro di inviare a Licata il corpo speciale dell’Unità delitti irrisolti della Polizia di Stato, con la speranza di dare una soluzione ai casi in questione e speranza a tutti i licatesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento