Stabilimento balneare a Bovo Marina, il Cga lo "salva" dalla demolizione

Accolta, al momento, la sospensiva richiesta dagli avvocati dalla proprietaria, che potrà lavorare in estate

Una veduta di Bovo Marina

Non si dovrà procedere alla demolizione, salvo un chiosco balneare a Bovo marina. Lo ha deciso il Cga.

La struttura, di proprietà della signora M.A. di 59 anni, residente a Montallegro, si trova oggi in area sottoposta a vincolo paesaggistico. Con istanza presentata alla Capitaneria di Porto Empedocle la donna chies il rilascio di una concessione demaniale marittima per il mantenimento dello stabilimento balneare in struttura in legno e cemento, nonchè per la ricostruzione e relativo ampliamento del manufatto preesistente. Sia Soprintendenza di Agrigento che Assessorato regionale al territorio ed ambiente avevano lasciato il loro parere, fornendo una concessione demaniale di trenta mesi, prorogata successivamente d'ufficio fino al 2020. La Soprintendenza di Agrigento,  però, asserendo che la ditta fosse sprovvista dell'autorizzazione paesaggistica e che il chiosco in legno realizzato fosse difforme rispetto a quello approvato, ordinava la rimessione in pristino dei luoghi dove sorge lo stabilimento balneare. 

La titolare proponeva allora un ricorso giurisdizionale, con il patrocinio degli Avvocati Girolamo Rubino e Vincenzo Airò, contro la Soprintendenza per l'annullamento, previa sospensione, dell'ordinanza di rimessione in pristino dei luoghi. Il Consiglio di giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana in sede giurisdizionale, ritenuto sussistente il danno grave ed irreparabile in vista dell'inizio della stagione balneare, ha accolto la richiesta cautelare di sospensione dell'esecutività dell'atto impugnato avanzata dagli Avvocati Rubino e Airò, rinviando per la trattazione del merito della controversia all'udienza pubblica dell'11 dicembre 2019 e "salvando" quindi la stagione balneare in arrivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Il Coronavirus fa paura: Licata +26 contagiati, altri 30 positivi a Ravanusa, 10 a Favara, 9 a Montevago e 7 a Sambuca

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento