rotate-mobile
Convenzione / San Leone / Viale delle Dune

Boschetto di San Leone "preda" del degrado e degli incivili, è il momento della svolta: verrà messo in sicurezza e riqualificato

La gestione dell'area - che si sviluppa complessivamente su 8 ettari - è stata affidata, ai soli fini demaniali marittimi, a Bartolomeo Scibetta, dirigente del servizio per il Territorio del dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale

Fino ad ora è stato poco curato, se non addirittura in alcuni punti abbandonato. E' stato "preda" dell'erosione, legata alla antropizzazione del litorale, ma anche degli incivili che, soprattutto durante il periodo estivo, lo hanno danneggiato e riempito di rifiuti. Adesso però si cambia. La gestione del boschetto dunale di San Leone - che si sviluppa complessivamente su 8 ettari - è stata affidata, ai soli fini demaniali marittimi, a Bartolomeo Scibetta, dirigente del servizio per il Territorio di Agrigento del dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale. Lo schema di consegna della fascia boscata, del Demanio marittimo, fra la prima e la sesta traversa è stato approvato dalla giunta municipale. E' volontà dell?amministrazione comunale, del resto, contribuire ad una corretta gestione del boschetto a garanzia della sicurezza di tutti i fruitori. 

Abbattuti alberi, sradicate preziose specie vegetali e cancellate le dune di San Leone, svolta nell'inchiesta: due denunciati

"L?area nel complesso risulta fortemente degradata a causa dei molteplici fenomeni quali erosione costiera e eccessiva pressione antropica. L?area oggetto della presente consegna/convenzione costeggia l'arenile e si sviluppa parallelamente alla pista ciclabile di recente costruzione e alla strada denominata Viale delle Dune realizzata negli anni 70" - ha scritto, per ildDipartimento dell' Ambiente, il dirigente Olimpia Campo - . 

La convenzione, valida solo ai fini demaniali marittimi, servirà, di fatto, a consentire la messa in sicurezza e la riqualificazione boschiva dell?area. 

Il Comune, dal caso suo, si è impegnato, soprattutto durante la stagione estiva, a sensibilizzare i cittadini per creare i cosiddetti ?ecovolontari?, persone particolarmente sensibili alla questione ambientale, che attraverso azioni di sensibilizzazione mirate possano indirizzare gli utenti del litorale verso una corretta gestione dei rifiuti. Palazzo dei Giganti si è assunto l'onere della sorveglianza delle aree per gli aspetti riguardanti i rifiuti e il controllo del territorio mediante il nucleo di polizia municipale. Il servizio per il Territorio di Agrigento del dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale effettuerà i lavori selvicolturali dell?area, mentre il Comune curerà lo smaltimento dei residui vegetali. Sempre il Municipio dovrà occuparsi di apporre cartellonistica informativa e segnaletica sull?importanza ecologica dell?ambito costiero e sulle norme di buona condotta da attuare e contribuirà all'acquisto dei materiali necessari per la realizzazione di piccole opere di ingegneria naturalistica indispensabili per mettere in sicurezza l'area. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boschetto di San Leone "preda" del degrado e degli incivili, è il momento della svolta: verrà messo in sicurezza e riqualificato

AgrigentoNotizie è in caricamento