Blitz "Assedio", vigilantes e cani di grossa taglia per blindare il "quartier generale"

La Dda: "Per garantire anche un costante presidio notturno Angelo Occhipinti, a partire dallo scorso maggio del 2018, decideva di stabilirsi proprio presso il magazzino, nonostante questo fosse, come riferito dalla Pg, 'fatiscente, privo di finestre e privo di idonei servizi igienici se non ricavati in locali adattati'"

Il magazzino definito "quartier generale"

Un jammer - un disturbatore di frequenza - per impedire il corretto funzionamento di microspie audio e video e di ogni altro dispositivo di ricezione e trasmissione di onde radio. Radio o televisione sempre accesi e ad altissimo volume. Ci avrebbero provato a fare in modo che quel magazzino, in via Palma a Licata, non venisse riempito di cimici. E lo avrebbero fatto "non lasciando mai incustodito il magazzino, demandando l’attività di 'vigilanza' a numerosi suoi fidati gregari, primi tra tuttii sodali mafiosi Angelo Graci e Giuseppe Salvatore Spiteri, - hanno ricostruito, nel provvedimento di fermo, i Pm Claudio Cammilleri e Gery Ferrara -  e anche avvalendosi del persuasivo effetto deterrente rappresentato dalla presenza di diversi cani di grossa taglia. Addirittura, per blindare la sicurezza del sito e garantire anche un costante presidio notturno dello stesso, Angelo Occhipinti, a partire dallo scorso maggio del 2018 decideva di stabilirsi proprio presso il magazzino in questione, nonostante questo fosse, come riferito dalla Pg 'fatiscente, privo di finestre e privo di idonei servizi igienici se non ricavati in locali adattati' - hanno aggiunto i magistrati della Dda di Palermo - .

I pm temevano la fuga degli indagati, Occhipinti: "Se mi rompono la m... prendo due bidoni e me ne vado"

E poi, appunto, stando alle ricostruzioni della Direzione distrettuale antimafia, nel magazzino (definito, dai carabinieri, come un "quartier generale") anche la presenza del jammer e radio e tv sempre ad altissimo volume. 

Occhipinti punta tutto sul candidato Scozzari: "In ospedale comanda più dei primari"

"Nonostante tali accorgimenti, l’attività di intercettazione disposta da questo ujfficio consentiva di documentare decine di incontri e di registrare numerosi colloqui svolti da Occhipinti ed aventi ad oggetto argomenti strettamente afferenti dinamiche proprie dell’associazione mafiosa - scrivono i magistrati nel provvedimento di fermo - e dunque densi di incontestabile valore probatorio specie ove si consideri le condizioni di assoluta genuinità derivanti dalla (erronea) convinzione degli interlocutori di essere al riparo da qualsivoglia attività intercettiva".

Il consigliere arrestato si difende dal gip: "Con Occhipinti solo rapporti familiari, è il suocero di mio cognato"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento