menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno degli arrestati pochi istanti dopo la cattura

Uno degli arrestati pochi istanti dopo la cattura

Operazione "Bazar", la droga si spacciava tra Porta di Ponte e San Leone

Spacciavano senza scrupoli tra Porta di Ponte, piazza Stazione e piazzetta San Francesco. Poi, nel periodo estivo, si spostavano a San Leone nella villa dinnanzi il Ragno d'Oro. Le catture dopo due anni e mezzo di indagini

Spacciavano senza scrupoli tra Porta di Ponte, piazza Stazione e piazzetta San Francesco. Poi, nel periodo estivo, si spostavano a San Leone nella villa "Sandro Pertini", dinnanzi il Ragno d'Oro. Non si creavano alcun problema: vendevano hashish laddove si incontravano coppiette, famiglie e bambini. Figurarsi se dubitavano di essere osservati, seguiti, controllati e magari intercettati. 

-> I nomi e le foto degli arrestati <-

Così stanotte, dopo circa due anni e mezzo di indagini, la polizia ha notificato sedici misure cautelari emesse dal gip del Tribunale di Agrigento su richiesta del procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e del sostituto Andrea Bianchi. Con l'operazione "Bazar" sembra essere stato decapitato lo spaccio della droga tra i giovani di Agrigento. Al centro dell'inchiesta c'è il favarese Giuseppe Bellavia: sarebbe stato lui a rifornire i giovani magrebini dello stupefacente; poi loro si dedicavano alla vendita al dettaglio tra il centro di Agrigento e la zona balneare di San Leone.

-> Il video: lo spaccio tra San Leone e Agrigento <-

Ad indirizzare gli inquirenti durante le indagini sono stati alcuni assuntori di sostanze stupefacenti. Una volta "beccati", diversi acquirenti hanno collaborato con i poliziotti, aiutandoli ad individuare i pusher.

Il procuratore della Repubblica, Renato Di Natale, nel ringraziare il vicepresidente del Consiglio comunale di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, per la sua nota di soddisfazione in seguito agli arresti, ha voluto ribadire la necessità di maggiore collaborazione da parte dei cittadini. 

"C'è un'illegalità talmente diffusa - ha detto anche il procuratore aggiunto, Ignazio Fonzo - che a volte pensiamo di voler svuotare l'Oceano con un secchiello. In questo senso voglio dire che non servono soltanto i plausi, ma serve l'impegno serio sul fronte della legalità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento