Incendio danneggia l'auto di una casalinga, è mistero: avviate le indagini

Non sono state trovate tracce di liquido infiammabile, taniche sospette o inneschi vari. Il rogo ha provocato danni all’utilitaria per circa 500 euro

(foto ARCHIVIO))

Brucia l’autovettura – una Fiat Punto – di proprietà di una casalinga quarantenne. E’ accaduto in contrada Balata a Bivona. Una volta raccolto l’Sos, sul posto si sono precipitati i carabinieri della stazione di Bivona e i vigili del fuoco. I pompieri, idranti alla mano, sono riusciti, ben presto, ad avere la meglio sulle alte fiamme. Il rogo ha però provocato danni all’utilitaria, danni che sono stati quantificati in circa 500 euro.

Soltanto quando l’incendio è stato domato, i militari dell’Arma della stazione di Bivona, coordinati dal comando compagnia di Cammarata, hanno avviato il sopralluogo tecnico: quella serie di accertamenti che sono indispensabili per provare a stabilire, con certezza categorica, la matrice del rogo. Accanto all’auto, né nelle immediate adiacenze, non sono state trovate tracce di liquido infiammabile, taniche sospette o inneschi vari. Impossibile dunque stabilire se la scintilla iniziale sia imputabile a cause accidentali e dolose, motivo per il quale, ieri, al comando provinciale dei carabinieri di Agrigento si parlava di “cause in corso d’accertamento”. Spetterà all’attività investigativa fare chiarezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento