Uffici vuoti, si cerca una ditta esterna per potenziare la riscossione dei tributi

Al momento in tutto il Comune sono in servizio 30 lavoratori assunti, mancano all’appello anche diversi dirigenti e non ci sono né soldi né margini per assunzioni

Il Comune di Porto Empedocle

Uffici ormai quasi totalmente vuoti, il Comune di Porto Empedocle corre ai ripari per cercare di riallinearsi su un tema che resta centrale per il futuro dell’Ente: la gestione degli incassi tributari..

Ad oggi, infatti, sono una trentina i lavoratori assunti a tempo pieno e determinato rimasti in servizio dopo i pensionamenti, cui si aggiungono ovviamente i precari, che attendono invece da tempo la stabilizzazione. Procedura oggi rallentata dalle fasi post dissesto finanziario, con la conseguenza di una stagnazione vera e propria delle attività degli uffici finanziari che l’Ente oggi non può permettersi, avendo avviato la “fase 2” del riequilibrio finanziario.

Così, come da linee guida già inviate al Ministero dell’Interno, il Comune ha già affidato all'esterno il servizio finanziario per la redazione di bilanci e documenti di questo tipo, e sta adesso cercando una ditta che possa svolgere mansioni connesse alla riscossione dei tributi, il cui trend rimane molto basso. Maggiori entrate si tradurrebbero però in maggiori incassi per l'ente, che così potrebbe iniziare a correggere la propria situazione finanziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento