"Bilanci del Comune falsificati per non sforare il patto di stabilità", tre udienze per decidere sui rinvii a giudizio

Sul banco degli imputati l'attuale sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, l'ex dirigente dei Servizi finanziari di Porto Empedocle, Salvatore Alesci, e cinque revisori dei conti. La difesa: "Contestazioni sulla base di una legge che allora non esisteva"

Il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto

Niente integrazione di prove, come chiesto dalla difesa: l’udienza preliminare sulla presunta falsificazione dei bilanci del Comune di Porto Empedocle entra nel vivo. Nessuno dei sette imputati, fra cui l’attuale sindaco di Agrigento Calogero Firetto, ha chiesto riti alternativi. Il giudice Alessandra Vella, quindi, ha individuato tre date: 23 e 30 settembre e 7 ottobre per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio.

L’ipotesi del pubblico ministero Chiara Bisso è che sarebbero stati falsificati i bilanci dell’ente - fra il 2011 e il 2014, quando a capo dell’Amministrazione c’era Firetto - per fare quadrare i conti ed evitare che scattassero le sanzioni di legge per gli enti che non rispettano il patto di stabilità. Nella lista degli imputati, oltre all’attuale sindaco del capoluogo, ci sono l’ex responsabile dei servizi finanziari dell’ente Salvatore Alesci e cinque revisori dei conti che si sono alternati in quegli anni. Sono Francesco Maria Coppa, Rosetta Prato, Carmelo Presti, Enrico Fiannaca ed Ezio Veneziano.

L’inchiesta scaturisce da alcuni accertamenti della Guardia di Finanza. Sono quattro le ipotesi di falso in atto pubblico che vengono contestate a Firetto e si riferiscono alle attestazioni fatte nei bilanci che, in sostanza, sarebbero stati “gonfiati”, inserendo fra le entrate la somma pagata dall’Enel a titolo di misure compensative, per fare in modo che venisse occultato un buco di circa 3 milioni di euro, evitando di incappare nelle sanzioni previste dalla legge per i Comuni che non rispettano il patto di stabilità. La certificazione è stata redatta anche dai commercialisti che hanno composto, in quegli anni, i collegi dei revisori dei conti.

Per gli stessi fatti sia Firetto che Alesci sono stati già assolti dalla Corte dei conti. La circostanza aveva portato il difensore di Firetto, l’avvocato Angelo Farruggia (nel collegio difensivo anche gli avvocati Barbara Garascia, Antonino Gaziano e Giovanni Gallo Afflitto) a chiedere l’estromissione del Comune di Porto Empedocle dal processo. Il legale aveva sostenuto che, essendoci stata già una sentenza di assoluzione definitiva della Corte dei conti per fatti analoghi, l’ente non avesse più “alcuna legittimazione ad esercitare l'azione civile nel processo penale". Il giudice, invece, ha ritenuto che l'ente avesse diritto a costituirsi "in ragione dell'assoluta autonomia dei due giudizi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Respinta anche la richiesta di integrazione probatoria. La difesa ha sempre sostenuto che non vi sarebbe stata alcuna alterazione nella redazione dei bilanci perché la normativa che, in sostanza, consente di inserire solo le somme già riscosse, è entrata in vigore nel 2015, quindi in seguito ai fatti contestati. Il giudice, in considerazione della complessità della vicenda, ha fissato ben tre udienze per sentire tutte le parti prima di decidere se disporre i rinvii a giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Si sente male in spiaggia e si accascia, inutili i soccorsi: muore 66enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento