Biblioteca comunale chiusa da un anno, Messana: "Sarà ospitata nell'auditorium"

Il sindaco: "Abbiamo dovuto trasferire il centro culturale dai locali in affitto perché ridurre i canoni di locazione era una misura prevista dal piano di riequilibrio finanziario"

Il sindaco di Racalmuto Emilio Messana

"La biblioteca comunale l'abbiamo trovata in stato comatoso, in locali in affitto, assolutamente inadeguati, che dovevano essere liberati. La commissione straordinaria aveva previsto il suo trasferimento nei locali dell'ex asilo nido appositamente ristrutturati. Le forze politiche di riferimento degli "sfiduciati" hanno contestato questa scelta, ancor prima delle elezioni. Il consiglio comunale si è espresso in favore dell'insediamento della biblioteca nei locali a piano terra del palazzo di città e nell'auditorium. E' un progetto ambizioso e di grande qualificazione". All'indomani dell'istanza dei consiglieri di "Racalmuto prima di tutto" - ossia di insediare una commissione ispettiva sul caso della biblioteca comunale chiusa da un anno - il sindaco Emilio Messana prova a fare chiarezza e parla di un tentativo - da parte dei consiglieri d'opposizione, che furono di maggioranza - "d'apparire".  

"Vogliamo far nascere un centro culturale, un'area con i beni architettonici più belli del nostro paese: il teatro, l'auditorium Santa Chiara, l'atrio comunale. Per farlo - spiega Messana - occorre trasferire gli uffici e in parte lo abbiamo già fatto, trovare una soluzione per la banda municipale che ha in comodato d'uso l'auditorium. Abbiamo tentato di utilizzare un bando del Gal per gli atelier della conoscenza, poi ritirato. I nostri impiegati - prosegue Messana - hanno riadattato i locali dell'ex ufficio anagrafe. Abbiamo coinvolto la Sovrintendenza, che ha competenza sulle biblioteche. I tempi si sono allungati e abbiamo dovuto trasferire la biblioteca dai locali in affitto, perché ridurre i canoni di locazione era una misura prevista dal piano di riequilibrio finanziario. Abbiamo discusso ed affrontato questi temi nei consigli comunali, nelle riunioni politiche prima della mozione di sfiducia. Evidentemente gli otto "sfiduciati" lo hanno dimenticato"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento