menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Benzinai: sì allo sciopero, l'Autorità garante vigilerà

Benzinai: sì allo sciopero, l'Autorità garante vigilerà

Benzinai: sì allo sciopero, l'Autorità garante vigilerà

La Federazione autonoma italiana benzinai ha diramato una nota con la quale conferma lo stato di...

La Faib Confesercenti, Federazione autonoma italiana benzinai, dopo aver letto il decreto sulle liberalizzazioni varato dal Governo Monti, ha confermato lo stato di agitazione. "Il decreto - si legge in una nota pubblicata sul sito ufficiale della Federazione - conferma le ultime indiscrezioni trapelate sulla stampa: tutto come prima, peggio di prima. Nessuna possibilità di superamento del vincolo d’esclusiva a favore dei gestori; tale possibilità rimane solo per i proprietari di impianti a favore dei quali peraltro viene prevista la facoltà di allargare gli spazi di mercato. Il decreto ribadisce la nozione di dipendenza economica sancendone il divieto di pratiche che possano ostacolare le facoltà stabilite dal decreto e attribuite ai gestori. Resta da specificare meglio quali esse siano, perché al momento non se ne vedono. Sul non oil si confermano le previsioni circolate nei giorni scorsi: nulla di nuovo ad eccezione dei tabacchi che però potranno essere venduti solo nel caso di superfici almeno di 1500 mq., circoscivendo dunque la previsione e operando una selezione solo a favore dei grandi impianti. Ma la questione più spinosa al momento - si legge ancora nella nota - è rappresentata dalla previsione dell’articolo 19 che prevede la possibilità di installare impianti ghost fuori dai centri urbani. Altro che sviluppo del non oil. Chi investirà su impianti nuovi e costosi quando ci saranno piccoli impianti low cost? Questa decisione frenerà anche il processo di chiusura degli impianti marginali - che saranno trasformati in ghost - annullando venti anni di politiche di settore tese alla razionalizzazione della rete e ci consegnerà una distribuzione carburanti vecchia e arretrata, da terzo mondo".

Ancora, però, nessuna data è stata ufficializata. Ieri sera il presidente dell'Autorità di garanzia sugli scioperi ha comunicato che lo sciopero dei benzinai non potrà protrarsi per più di tre giorni. "Qualunque comportamento difforme rispetto a ciò - ha affermato - è illegittimo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento