Da beni confiscati alla mafia a case per chi ha più bisogno: il Comune cerca fondi

Si tratta di tre edifici realizzati al Villaggio Mosè, il Municipio parteciperà ad un bando nazionale per la riqualificazione

(foto ARCHIVIO)

Furono costruite con capitali di origine mafiosa e, per questo motivo, furono sottoposte a sequestro e confisca alcuni anni fa. Adesso, per tre gruppi di abitazioni al Villaggio Mosè si potrebbe valutare un nuovo futuro.

In questa direzione sta lavorando il Comune di Agrigento che, attraverso l'ufficio Lavori pubblici diretto dall'ingegnere Vitellaro ha in questi giorni affidato l'incarico ai tecnici interni dell'Ente di redigere un progetto di completamento e adeguamento delle strutture al fine di ricavare una decina di alloggi in totale da mettere a disposizione delle fasce sociali più deboli.

Tecnicamente, usando le parole di Palazzo dei Giganti, per far fronte al "disagio abitativo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fondo, complessivamente, è da oltre 4 milioni e mezzo di euro, a cui appunto il Municipio tenterà di accedere partecipando con un proprio progetto. Il riutilizzo del patrimonio sequestrato alla mafia è, per molti versi, un problema mai del tutto risolto, stante che i Comuni sono oggi destinatari di un gran numero di strutture, terreni e beni che però non si riesce a mettere a frutto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: 8 gli agrigentini contagiati

  • Nuova "bomba" d'acqua sull'Agrigentino: strade e ristoranti allagati, albero su auto

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Vigile del fuoco e operaio dell'aeroporto positivi al Coronavirus: nuovo caso anche a Cattolica

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: 8 sono nell'Agrigentino, nessun nuovo guarito

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento