rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Immigrazione

Morti assiderati durante la traversata, l'ambasciata del Bangladesh punta al riconoscimento e al rimpatrio delle salme

Le bare sono state caricate stamani sul traghetto di linea e una volta sbarcate non andranno più al cimitero di Palma di Montechiaro, dove è stata annullata la cerimonia d'addio prevista per domattina, ma in quello di Piano Gatta ad Agrigento

Giungeranno in serata al molo di Porto Empedocle le sette salme dei bengalesi morti assiderati durante la traversata dalla Libia a Lampedusa. Le bare sono state caricate stamani sul traghetto di linea e una volta sbarcate non andranno più al cimitero di Palma di Montechiaro, dove è stata annullata la cerimonia d'addio prevista per domattina, ma in quello di Piano Gatta ad Agrigento.

L'ambasciata del Bangladesh ha fatto infatti richiesta di un eventuale rimpatrio delle salme all’esito dei riconoscimenti a cui si sta già lavorando. A coordinare il trasferimento e il cambio di destinazione delle salme è la Prefettura di Agrigento, d'intesa con il Viminale.

Morti assiderati durante il viaggio per Lampedusa: le 7 bare verranno accolte da Palma di Montechiaro

I feretri dei giovani morti per ipotermia non verranno dunque seppelliti, s'attenderà il riconoscimento e l'eventuale rimpatrio. Ad accogliere le bare, stasera, ci sarà il prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa.

Sul traghetto di linea Sansovino, stamani, oltre alle 7 bare, sono stati imbarcati 70 migranti ospiti dell'hotspot di Lampedusa: 50 andranno su una nave quarantena per il periodo di sorveglianza sanitaria antiCovid e gli altri 20, minori non accompagnati, verranno invece trasferiti al Villa Sikania a Siculiana.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti assiderati durante la traversata, l'ambasciata del Bangladesh punta al riconoscimento e al rimpatrio delle salme

AgrigentoNotizie è in caricamento