rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Cronaca Siculiana

Barcone arenato a Torre Salsa, il personale del Wwf: "Intervenuti in tempo"

Ente gestore della riserva ricostruisce quanto accaduto il 13 agosto, giorno dello sbarco fantasma

È abbandonato nella spiaggia di Torre Salsa dal 13 agosto. Fa ancora parlare di sé, il barcone arenato con cui sono approdati alcuni migranti lo scorso agosto. Il Wwf, ente gestore della riserva, interviene sulla vicenda.

"Il 13 agosto, gli operatori del Wwf, in servizio si sono accorti dell'imbarcazione abbandonata nell'arenile, ai piedi di monte Stella, promontorio della riserva - fa sapere il personale della riserva in una nota - . Immediatamente, gli stessi, come ormai da prassi consolidata in questi anni di collaborazione, hanno avvisato la locale Stazione dei carabinieri di Siculiana i quali, recandosi sul luogo accompagnati dal personale dell'area protetta, constatavano l'abbandono dell'imbarcazione da parte dei migranti. Contestualmente, veniva allertata la Capitaneria di Porto di Porto Empedocle che, congiuntamente ai carabinieri e agli operatori del Wwf, concordavano sull’impossibilità di trascinare l'imbarcazione a largo e metterla in sicurezza, in quanto il natante si era arenato su un fondale di poche decine di centimetri".

"Nel pomeriggio del 14 agosto, su richiesta dei carabinieri di Siculiana, - proseguono dal Wwf - il personale della riserva iniziava le operazioni di bonifica da possibili rifiuti, nelle aree limitrofe lo sbarco. Durante le operazioni di bonifica svoltesi sulla spiaggia, ai piedi della scarpata, sul retroduna, il personale del Wwf, i carabinieri, la Guardia costiera, bagnanti curiosi (qualcuno si prodigato ad aiutarci) non hanno trovato batterie mentre sono state raccolte bottiglie di plastica, indumenti, bottiglie di latte e derivati. Purtroppo, a causa dei continui sbarchi, gli operatori del Wwf a queste procedure sono abituati sempre in collaborazione con le autorità competenti, interventi documentati dalle relazioni di servizio e trasmesse alla procura. Nel concludere, fiduciosi che le autorità celermente procedano all’allontanamento dell'imbarcazione abbandonata è doveroso un ringraziamento alla Guardia costiera di Porto Empedocle e soprattutto ai carabinieri di Siculiana che in queste come in molte altre situazioni ci aiuta e ci affianca nel nostro impegno di tutela ambientale di uno dei tratti di costa più belli della Sicilia". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barcone arenato a Torre Salsa, il personale del Wwf: "Intervenuti in tempo"

AgrigentoNotizie è in caricamento