Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Il crac del gruppo Pelonero, l'inchiesta approda al tribunale del riesame

La difesa chiede la revoca dell'ordinanza cautelare che applica gli arresti domiciliari a dieci persone

Diego e Gioacchino Sferrazza

L'inchiesta "Malebranche", sul crac del gruppo Pelonero, approda al riesame. I difensori hanno presentato il ricorso e, la prossima settimana, saranno fissate le udienze al tribunale della libertà per discutere sulla richiesta di annullamento delle dieci ordinanze di arresto per i componenti della famiglia Sferrazza, accusati di avere fatto sparire cinque milioni di euro da un'impresa all'altra attraverso dei fallimenti pilotati, e la commercialista che avrebbe gestito gli aspetti tecnici di quella che, secondo gli inquirenti, era una vera e propria organizzazione a delinquere.

Nell'operazione, all'alba del 30 luglio, sono finiti ai domiciliari Gaetano Sferrazza, 78 anni; i figli Gioachino, 54 anni con la moglie Maria Teresa Cani, 54 anni e i figli Gaetano e Fabiana, 29 e 26 anni; Diego, 51 anni con la moglie Giovanna Lalicata, 51 anni e i figli Clelia e Gaetano, 23 e 28 anni e la commercialista Graziella Falzone, 53 anni.

Gli Sferrazza, assistiti dai difensori, gli avvocati Daniela Posante, Giovanni Castronovo, Chiara Proietto, Antonella Arcieri e Giacinto Paci, si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere. La commercialista (difesa dagli avvocati Salvatore Falzone e Santo Lucia) ha risposto negando le accuse con fermezza. La vicenda, adesso, sarà discussa al riesame. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il crac del gruppo Pelonero, l'inchiesta approda al tribunale del riesame

AgrigentoNotizie è in caricamento