menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un militare della Guardia di finanza (foto archivio)

Un militare della Guardia di finanza (foto archivio)

Agrigento, la Guardia di finanza scopre e denuncia avvocato evasore

I militari hanno recuperato a tassazione redditi per oltre 500mila euro ed Iva non corrisposta all'erario per 75 mila euro. Per il professionista è scattata la denuncia. Faceva anche il doppio lavoro

Per l’attività professionale svolta è risultato essere evasore totale, cioè un contribuente completamente sconosciuto al fisco. Per questo motivo il Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Agrigento ha denunciato alla Procura della Repubblica un avvocato di Agrigento.

L’attività investigativa ha preso spunto dall’esecuzione di una indagine di polizia giudiziaria (coordinata dal sostituto procuratore di Agrigento, Andrea Bianchi) delegata a seguito di una denuncia sporta da un soggetto il quale segnalava che il professionista avrebbe preteso interessi particolarmente elevati a fronte di un prestito di denaro ricevuto. Durante la ricognizione dei luoghi riconducibili all'avvocato in questione, gli uomini delle fiamme gialle hanno scoperto un appartamento adibito a studio legale. 

La trasversalità dell’azione repressiva svolta dalla Guardia di finanza ha consentito di chiarire anche che l’avvocato era soggetto sconosciuto al fisco quale libero professionista, in quanto non era in possesso del numero di partita iva né aveva istituito registi contabili e redatto documentazione fiscale. L’attività ispettiva ha riguardato il periodo temporale dal 2006 al 2011. Per questo motivo le fiamme gialle hanno intrapreso una serie di mirate indagini finanziarie nei confronti del professionista per ricostruire il volume d'affari ed il reddito, in quanto l'uomo non è stato in grado di giustificare adeguatamente i movimenti finanziari.

Al termine delle attività di verifica, i militari hanno recuperato a tassazione redditi per oltre 500mila euro ed Iva non corrisposta all'erario per 75 mila euro. Per il professionista è scattata la denuncia per omessa presentazione di dichiarazione fiscale.

Inoltre, le attività investigative facevano emergere anche particolari penalmente rilevanti con riferimento a falsificazione di firme apposte su assegni negoziati dal professionista ed emessi a favore di ignari beneficiari, i quali si erano rivolti all'avvocato al fine di farsi patrocinare cause di risarcimento danni.

E’ stato infine anche accertato che l’avvocato “evasore totale” ha esercitato nel periodo temporale 2006-2011 la professione di insegnante di ruolo presso 9 istituti scolastici pubblici nella provincia di Agrigento, sia scuole primarie che secondarie, ai quali non ha richiesto la prevista autorizzazione necessaria per i pubblici dipendenti che svolgono anche professioni di lavoro autonomo. 

Per questa ultima violazione è stata investita la componente specialistica della Guardia di finanza, il Nucleo speciale pubblica amministrazione di Roma, il quale ha delegato mirate attività di controllo, tuttora in corso, volte a sanzionare anche tutti i soggetti che, loro malgrado, si sono rivolti al professionista. L’ammontare dei proventi provenienti dal “doppio lavoro”, svolto dal pubblico dipendente può essere ricondotto al valore complessivo dei compensi percepiti “in nero”, che come detto ammontano ad oltre 500.000 euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento