menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

"Esclusa per poco fatturato", una cooperativa vince il ricorso: sarà bando

Inizialmente era stata fatta fuori per conti insufficiente, poi gli avvocati Rubino e Alfieri hanno dimostrato altro

La prefettura di Agrigento e l’ufficio territoriale del Governo, avevano indetto una proceduta aperta per la conclusione di un accordo che assicurava il servizio di accoglienza per i cittadini stranieri richiedenti asilo, nell’Agrigentino.

La gara aveva l’obiettivo di selezionare un numero di operatori economici a cui affidare singoli appalti, a prendere parte del bando anche la cooperativa Raggio di Sole di Camastra.

La commissione, ha esaminato la documentazione prodotta dai concorrenti, ed ha ritenuto insufficiente il fatturato minimo della cooperativa agrigentina, escludendola dalla gara. “Raggio di Sole” è stata assistita dagli avvocati Rubino e Alfieri, hanno dimostrato con una prova documentale che la società aveva un fatturato superiore all’importo minimo prescritto dal bando. Ed hanno, inoltre, sottolineato che il bando  non sanzionava con l'esclusione dalla gara l'erronea dichiarazione sul possesso dei requisiti di capacità economica e finanziaria. 

Per questo si è  è costituito in giudizio il Ministero dell'Interno, rappresentato e difeso dall'avvocatura distrettuale dello Stato di Palermo, per chiedere il rigetto del ricorso, con reiezione della richiesta cautelare di sospensione dell'esecuzione del provvedimento impugnato. Nelle more del giudizio si è nuovamente riunita la Commissione, al fine di esaminare il ricorso proposto dalla società Cooperativa "Raggio di sole", condividendo le censure formulate dagli avvocati Rubino e Alfieri, ed alla luce della documentazione integrativa prodotta dalla società ricorrente, la Commissione ha deciso di revocare, in autotutela, l'esclusione della ditta "Raggio di sole", riammettendola in gara.

Conseguentemente  il Tar Sicilia, Palermo, sezione prima, alla luce del provvedimento sopravvenuto di riammissione in gara, ha dichiarato la cessazione della materia del contendere, condannando il Ministero dell'Interno al pagamento delle spese giudiziali, in applicazione del principio di soccombenza virtuale. Pertanto la ditta Raggio di Sole verrà riammessa alla gara per assicurare il servizio di accoglienza in provincia di Agrigento dei cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, mentre il Ministero dell'Interno pagherà le spese giudiziali. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento