Cronaca

Il legale di Arnone replica all'Ordine degli avvocati dopo la cancellazione: "Indegna sceneggiata"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Poichè al momento Giuseppe Arnone, obbedendo alla magistratura di Sorveglianza, non può efettuare comunicati stampa, ritengo doveroso, quale socia di studio e difensore del medesimo Arnone, tranquillizzare l'opinione pubblica in ordine alla notizia farlocca e strumentale oggi diffusa dall'Ordine degli avvocati di Agrigento in merito alla cancellazione dall'albo degli avvocati di Agrigento di Arnone. 

Innazitutto specifico che questa iniziativa contro Arnone è destinata a ribaltarsi, esattamente come avvenuto con l'arresto in carcere provocato da Francesca Picone, che vede adesso quest'ultima condannata a 4 anni di carcere ed i magistrati che hanno arrestato Arnone sottoposti a procedimento penale.  

Procederò per punti: 

1. Si tratta per più ragioni di una indegna sceneggiata, come adesso illustrerò, e come comprende facilmente ogni persona normalmente avveduta che percepisce come indegno e gravissimo l'accostamento operato tra la posizione dell'avvocatessa Porcello e quella dell'avvocato Arnone. Si vuole mettere sullo stesso piano una persona in carcere per mafia sulla base di evidenti prove fuoriuscite dalle proprie labbra, con l'avvocato Arnone che, come hanno testimoniato anche nei giorni scorsi i collaboratori di giustizia, ha rischiato e rischia la vita nell'impegno antimafia e per la legalità;

2. Il provvediemento del Consiglio dell'Ordine contro Arnone non è esecutivo in quanto l'impugnazione avanti al Consiglio nazionale forense, che avverrà immediatamente, ne sospende l'esecutività;

3. Soprattutto i cittadini devono sapere che questo provvediemento è stato richiesto da alcuni organi della magistratura da quasi due anni, motivato dalla circostanza che l'avvocato Arnone è al momento un semilibero. E risulta incredibile che venga adottato pochi giorni prima della conclusione della espiazione della condanna. Alla fine di questo mese l'avvocato Arnone tornerà ad esercitare tutti i diritti di uomo libero.

4. Il precedente Consiglio dell'ordine, con presidente l'avvocato Cremona, si era occupato di questa richiesta della magistatura di cancellare Arnone dall'albo ed aveva ritenuto di non darvi corso perchè illegittima. Oggi appunto abbiamo questo singolarissimo provvedimento, e non sfugge alla nostra intelligenza che il provvedimento viene adottato da un Consiglio che ha eletto presidente e vice presidente nelle persone di due avvcatesse, la Gaziano e la Russello, notoriamente contrapposte ad Arnone anche personalmente e per ragioni di famiglia in vari procedimenti penali.

5. Concludo tranquillizzando l'opinione pubblica in ordine a ciò che averrà nel Palazzo di Giustizia di Agrigento, e nell'Ordine degli avvocati non appena Arnone potrà normalmente riprendere il suo impegno pubblico: lunedì, martedì e mercoledì ultimi scorsi l'avvocato Arnone è stato impegnato, con la mia assistenza, per ben 15 ore avanti ad un maggiore della Guardia di Finanza di Caltanissetta, convocato per ricostruire l'attività persecutoria subita in questi anni e pubblicamente denunziata nella pubblicazione "La banda Alfano e la Procura a delinquere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il legale di Arnone replica all'Ordine degli avvocati dopo la cancellazione: "Indegna sceneggiata"

AgrigentoNotizie è in caricamento