"Pericolosi per la sicurezza pubblica", scattano 15 avvisi orali

Il questore Maurizio Auriemma ha informato i destinatari dell’esistenza di indizi precisi sulla loro condotta illecita invitandoli a tenere un comportamento conforme alla legge

L'ingresso della Questura di Agrigento

Quindici avvisi orali sono stati applicati ad altrettanti soggetti ritenuti "pericolosi per la sicurezza pubblica". Si tratta di provvedimenti con i quali il questore di Agrigento, Maurizio Auriemma, avvia il destinatario dell’esistenza di indizi precisi sulla sua condotta illecita e lo invita a tenere un comportamento conforme alla legge. Ad applicare gli avvisi orali è stato l'ufficio Misure di prevenzione della divisione polizia Anticrimine della Questura.

Ecco - secondo quanto viene reso noto dalla Questura di Agrigento - a chi sono stati applicati gli avvisi orali: S. A., 47 anni, di Licata, già noto alle forze dell'ordine per violazione delle norme in materia di stupefacenti, danneggiamento, porto di armi, prostituzione;  V. G., 52 anni, di Palma di Montechiaro, già noto per violenza, oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale, detenzione di armi, evasione, danneggiamento, prostituzione; C. A., 55 anni, di Favara, già noto per detenzione e ricettazione di armi ed esplosivi, danneggiamento; P. C. L., 21 anni, di Campobello di Licata, già noto per rissa, lesioni, minaccia, ingiuria, violazione di domicilio, sequestro di persona; M. G., 23 anni, di Ribera, già noto per resistenza, lesioni;  C. S., 38 anni, di San Biagio Platani, già noto per molestie, ingiuria, danneggiamento, furto aggravato;
C. G., 50 anni, di Licata, già noto per violenza privata, minaccia, violazione delle norme in materia di stupefacenti, truffa, porto abusivo di armi, lesioni personali aggravate; S. M., 50 anni, di Ravanusa, già noto per violazione delle norme in materia di stupefacenti. 

Avvisi orali - stando sempre alla nota stampa della Questura - anche a L. B. P., 32 anni, di Sciacca, già noto per danneggiamento, lesioni, minaccia, resistenza a P.U., incendio boschivo doloso, porto abusivo di armi; D. E. I., 26 anni, di Sciacca, già noto per maltrattamenti in famiglia, violazione delle norme in materia di stupefacenti, lesioni, favoreggiamento; C. G., 52 anni, di Sciacca, già noto per oltraggio, resistenza, minaccia a pubblico ufficiale, porto abusivo di armi;  N. M., 18 anni, di Palma di Montechiaro, già noto per minaccia, sottrazione di minore, danneggiamento, esioni, rissa; M. K., 20 anni, di Santa Margherita Belice, già noto per violazione delle norme in materia di stupefacenti; R. L., 24 anni, di Ribera, già noto per favoreggiamento, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, lesioni, omissione di soccorso, introduzione di moneta falsificata, maltrattamenti in famiglia, porto di armi da fuoco e D. R. A., 27 anni, di Palma di Montechiaro, già noto per detenzione illegale di munizioni, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità, furto aggravato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Paura e contagi fuori controllo nell'Agrigentino, Cuffaro sbotta: "La verità? Siamo in mano a nessuno"

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento